Manfred Trenz,il MITO!Manfred Trenz,il MITO!Manfred Trenz,il MITO!Manfred Trenz,il MITO!Manfred Trenz,il MITO!

The Great Giana Sister

Katakis
Denaris

R*Type

Turrican

Turrican II

Super Turrican

Enforcer

RR2
Rendering Ranger

Factor 5

Collaborazioni

Fan Game

Link

News

Downloads & Fan art

Sito ottimizzato per: -Explorer5.0
-Avant Browser 9.2
risoluzione ottimale 1024 x 768 pixel
Se il box di testo,il box con le foto del Maestro e questo non dovessero apparire con la stessa altzza è probabile che nelle altre pagine i vari "livelli" o "layer" appaiano in modo errato,sovrapponendo il testo e rendendolo illegibile. Sto cercando di porvi rimedio ma il mio web editor ottimiz-za solo per Explorer.

Per chi è cresciuto,videoludicamente parlando col biscotto grigio della Sony,il nome di Manfred Trenz significa poco o niente..
Per chi invece ha vissuto Commodore 64 come la macchina definitiva degli anni '80-'90,Manfred è Dio in terra,capace di spingere la macchina oltre i suoi limiti! Geniale programmatore,abile game-designer,come per tutte le persone leggendarie di lui si sa poco o nulla:rare foto,ancor più rare le interviste. Per contro le sue opere parlano,anzi gridano al mondo di cosa è stato realmente capace!
Manfred nasce il 29 novembre 1965 a Saarbrùken,nell'allor Germania Ovest. Nel 1984,a 19 anni,scopre il Vic=20 da un amico e poco dopo si comprò un Comodore 64 e comincia a programmare i primi giochi in basic,troppo lenti per i suoi gusti:da qui decide di imparare l'assembler. Nell'1986 partecipa a un concorso indetto dalla rivista "64'er" e si piazzò terzo. Una piccola società,la Rainbow Arts, lo contatta e lì esegue piccoli lavori di grafica. Nel 1987 gli affidano la grafica,artwork,level design e parte del codice di Great Giana Sister,passato alla storia più che per il suo altissimo livello qualitativo,per essere un clone spudorato di Super Mario Bros e subito ritirato dal mercato... oltre che per aver fatto intuire il reale potenziale di Manfred! Il suo successivo lavoro appartiene al suo genere preferito:gli sparatutto a scorrimento orizzontale,tipo R-Type. Katakis,realizzato insieme all'amico Andreas Escher,è spettacolare anche a 16 anni dalla sua uscita! Però la storia si ripete:troppo simile al gioco sopra citato e viene ritirato per riapparire con leggere modifiche come Denaris. Ironia della sorte:per questo la Activision li sceglierà per la conversione di R-Type sul C=64! Un lavoraccio che spingerà il Maestro a cambiare genere:un titolo tutto azione e piattaforme pieno di nemici da distruggere grazie a un arsenale vasto. Qui finisce la leggenda e comincia il mito: Turrican si dimostrò un gioco dalla grafica incredibile,giocabiltà enorme, livelli vastissimi,una pietra miliare nella storia del piccolo 8bit, destinata a scalre le classifiche di vendita senza pubblicità o licenze famose. A cui diede l'anno seguente un seguito spettacolare, ovvia-mente Turrican II. Purtoppo questo è il crepuscolo del C=64, infatti finendo Turrican II si può leggere nei titoli di coda "This is my last game on commodore 64" e l'ammeto,ho pianto. Anche l'Amiga s'avvi-cinava al crepuscolo,quindi Manfred Trenz si spostò verso le con-sole,realizzando su Nes Super Turrican, conversione dei due Turrican con alcune aggiunte. Contemporaneamente il Maestro realizza Enforcer,suo definitivo addio al Commodore, una sparatutto memo-rabile. Riapparià qualche anno dopo sul Snes con Renderign Ranger,un titolo alla Turrican con grafica prerenderizzata. Purtrop-po distribuito solo in Giappone. Nel 1999 prende corpo il progetto Turrican 3D,un gioco alla Devil May Cry cancellato e mai rilasciato. Recentemente dopo il successo del fan-game Turrican 3 ha fondatota la Denaris Entertaiment Softwareche si occuperà esclusivamente di action\shoot'em up,primo titolo annunciato è Katakis 2.